All´auge del gergo contemporaneo, ha preso piede il termine “complottista”
 (inesistente sui dizionari tradizionali), la cui accezione si dipana in modo bifido:

Se a tutta prima potrebbe ben riferirsi a “colui che complotta”,
 per locuzione diffusa prevale a dileggio di “colui che addita o ipotizza chi complotta”.

Pur con suo tono dominante, trae gioco solo dalla disinvolta e propagata impressione
 che il dichiarare qualsivoglia intrigo alle nostre spalle sia mera e risibile fantasia.


Nondimeno, sarà dato scoprire qui la più terribile delle connessioni, che conduce dritto dritto all´Apocalisse, ovvero la Rivelazione che da 20 secoli (e dunque prima che il termine complottismo - come è inteso oggi - venisse adottato) prelude ad un tempo che sta volgendo al compimento.

La facciata pluri-secolare
Se da un lato è ben noto il volto suadente della religione, capace di fascinare masse di credenti, sfruttandone l´energia, per il monopolio di un artificioso simbolismo indotto, facendo presa sul loro innato trasporto mistico-emozionale (pallido o acceso riflesso di un´origine spirituale dimenticata), esso radica ora nel sentimento viscerale e nell´umano bisogno di certezze, e come tale sarà il fattore trainante verso la trappola di un nuovo ordine cerimoniale, di un assoggettamento imposto da un marchio indelebile e fatale.
Basamento di un “cattolicesimo” che non conosce lo Spirito se non nella sua accezione più astrusa, il divario tra questa concezione e quella di chi si avvicina alla realtà conoscitiva ultra-materiale per altre vie è spesso determinante.

Perché parlarne qua?
Raramente spirito e scienza - anche sociale - si mutuano, pur essendo due binari dello stesso treno… della vita e dell´esistenza; alimentando anzi e per lo più un inutile conflitto,
che fa solo il gioco del potere occulto imperante ed autocentrico.
Ed è in questo testo, più che mai, che incontreremo il punto ed il momento nefasto in cui le due parallele  sono destinate a convergere, come due facce della stessa moneta.

“Io sono venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete;
se un altro verrà nel suo proprio nome, voi lo riceverete
.”
Giovanni 5:43

Quale miglior covo per un anticristo, che la “santa” chiesa cattolica apostolica romana, ove può far man bassa da secoli dello strapotere, nonché di perversioni, pedofilia e non solo, poiché è di Governo del CFR che si tratta, sotto l´abusata insegna della “Società di Gesù” dissimulata agli occhi del mondo dalle mura di inoppugnabili falsi dogmi?

Dall´altra parte l´aspetto temporale perverso, dichiarato e manifesto: l´altra faccia,
il volto scoperto del­l´Anticristo, per il governo economico e mentale globale dall´epoca attuale in poi, è tracciato in questo breviario, un manuale tecnico non più ‘top secret’.
Che, pur traendo origine dalla paranoia finanziaria meccanicista, appare destinato
ad esser rappresentato e promulgato dalla Bestia dell´Apocalisse (cfr. pag. 14).
Una realtà su cui è già d´uopo meditare con la massima attenzione, fin che c´è tempo.

Vediamolo dunque.

Oct. 3, 2014


COPERTINA    PRESENTAZIONE
 The Watch Publisher 
  © 1987-2014