puoi spostarmi come segnalibro  
 


Cristo, ritorno tanto atteso…

da essere disatteso


Sareste sorpresi di scoprire che Cristo, sì CRISTO! abbia potuto ritornare in contatto con gli uomini, proprio via Internet?
Ebbene, lo ha fatto, dopo essere disceso attraverso piani interdimensionali molto lontani dal nostro stato; ed ha raggiunto l'umanità esattamente come Gesù aveva predetto molto tempo prima:
"come fulmine che colpisce da EST a OVEST",

alludendo - solo ora può rendersi manifesto - proprio alla rete del Web.

Il network si sa, corre come un lampo da un estremo all'altro della terra; ma … non si trattò solo di un riferimento simbolico:
un riscontro fisico, anzi geofisico, non poteva non sottolineare l'espressione di tanto potere energetico da dettare la storia sulla Terra e della Terra.

  1. Un inconfondibile fulmine colpì l'apice della basilica di S. Pietro, a Roma [«da Est» 12/02/2013] il giorno dell'emblematica e singolare circostanza in cui si è dimesso il 111° papa (la visione di S.Malachia vuole che sia il penultimo) Benedetto XVI;
  2. Entro meno di un anno un secondo fulmine tocca la punta del dito medio della statua del Cristo, che dal monte Corcovado protegge Rio de Janeiro [«a Ovest» 14/01/2014], con ancora maggiore delicatezza, da non causare seri danni, ma sottolineando l'annuncio come se li racchiudesse in un unico evento.

Alcuni malcelati sospetti dei media hanno ventilato, forse accarezzato l'ipotesi di un legame, troppo stringente di per sé per poterlo ignorare, ma la suggestione è presto svanita cedendo il passo alla mancanza di una risposta; ciò che del resto è la norma, nel­l'in­for­ma­zio­ne che si nutre di se stessa. Eppure la risposta esisteva, ribadita con la suddetta e­spres­sio­ne, nell'ultima delle nove Lettere dettate da Cristo, tra il 1998 e il 2007, cioè press'a poco 7 anni prima.

Tale dettato ha potuto realizzarsi grazie al supporto di una "Recorder forse tutt'ora vivente, incarnatasi e profondamente preparata in vista di tale compito assoluto, per oltre 40 anni. La sua identità non è mai stata divulgata (aveva 94 anni nel Sett. 2013) perché ciò – come potremo apprezzare più avanti – non è necessario né sarebbe stato utile o di per sé costruttivo.
Ha agito come uno strumento, esercitata a registrare al computer il dettato regolare e regolato del Cristo, ma niente di diverso o di erroneo.
Egli stesso lo spiega, in un ‘articolo’ dedicato:

Non è possibile per me tornare a terra in qualsivoglia forma
- sia come un bambino, che non potrebbe contenere le mie potenti vibrazioni,
che come un essere celeste.
Le moltitudini non sarebbero in grado di vedermi.
Così come ci sono cose viste e avvertite da animali, che sono invisibili all'occhio umano, così Io pure rimango invisibile a persone che sono su una lunghezza d'onda terrena.
Di conseguenza, ho dovuto preparare la mente di un'anima evoluta
che ha assunto la forma umana per portare il mio messaggio alla Terra.
Coloro che sono sufficientemente evoluti spiritualmente per ascoltare - udranno.
Coloro che non sono ancora pronti, non sentiranno
e non saranno in grado di ricevere - in questo tempo presente.
Ma tutti gli uomini coprono il cammino verso l'alto,
che alla fine conduce ai più elevati reami celesti.
Una storia ben diversa - è bene notarlo - da quelle di moltiplicate presunte apparizioni del Maestro - che, si badi bene, non è più Gesù di Nazareth - a veggenti, o che dir si voglia…
Merita anzi attenzione la significativa introduzione che ella ci offre a tale sua esperienza. "Before reading Christ’s Letters, you may want to know how this spiritual exercise of trans­mission of consciousness was achieved."
Eccone alcuni estratti (dal PDF completo):
Il lavoro preparatòrio per farmi diventare il registratore di Cristo ebbe inizio 40 anni fa quando da cristiana convinta, incontrando gravi difficoltà come agricoltore e chiedendo aiuto a Cristo, una risposta inattesa e potente mi indusse a riesaminare e scartare ogni dogma religioso. Un’Illuminazione ebbe seguito e mi indirizzò con chiarezza verso nuove prospettive di lavoro e studio. Fondai un’agenzia fiorente che trattava con la gente. Per sette anni mi godetti il successo e molta felicità.
Per crescere nella comprensione spirituale, attraversai diverse esperienze umane assai traumatiche e, dopo molta sofferenza, dolorosamente e con profitto, imparai le loro lezioni e poi le trascesi spiritualmente.
Una sera, in risposta alla mia preghiera di essere guidata, la presenza di Cristo divenne una realtà. Egli mi diede una prova inconfutabile della sua identità.
omissis
Divenni una guaritrice e lo strumento di alcune guarigioni istantanee.
Sin dagli anni 1966-1978, durante alcuni passaggi importanti della mia vita, in risposta alle mie domande Cristo mi istruì sui principi scientifico-spirituali, oggi spiegati dal Cristo nelle sue Lettere. Nel 1975 ebbi esperienza di una notte di visioni che descrivevano eventi collocati tra il 1983 e il 1994, tutti quanti avveratisi.
Mi fu detto di nuovo che, in futuro, per me ci sarebbe stato del lavoro da fare.
omissis
Negli ultimi quattro anni sono stata guidata attraverso un affinamento mentale­/emozionale, raggiungendo il mio traguardo di una pace ed una gioia interiori perfette. Cristo mi fece passare attraverso un processo di purificazione graduale ma molto chiaro. Quando fui perfettamente libera dal sé, malleabile e ricettiva, la Voce iniziò la sua dettatura e le Lettere iniziarono a prendere forma.

Queste Lettere sono integralmente opera di Cristo.


Durante la trascrizione delle LETTERE mi fu detto chiaramente che dovevo lasciarmi fuori dal quadro, che le LETTERE DI CRISTO dovevano essere del tutto autonome. Le persone dovevano decidere per conto proprio se le Lettere suonavano loro come vere, o se le percepivano come false.
Io ho trascritto ciò che avevo ricevuto, mi sarei adoperata per esporlo al pubblico giudizio dopodiché, qualunque cosa si fosse verificata, sarebbe stata ri­go­ro­sa­men­te tra il lettore delle LETTERE e la Coscienza di Cristo.

Risultato &  Sintesi

I the CHRIST, known as ‘Jesus’ in Palestine,
more than 2000 years ago,
have returned
at this most critical time
in world history
,
to speak to you.

Io, il CRISTO, conosciuto
come ‘Gesù’ in Palestina,
più di 2000 anni or sono,
sono ritornato
in questo momento più critico nella storia del mondo,
per parlare a voi.

9 nutrite LETTERE, pubblicate in un libro in vendita nell'edizione originale di lingua Inglese (ed anche altre; nel 2007 l'accesso alla rete era agli esordi quanto a vera informazione di massa), dapprima con il titolo “CHRIST RETURNS - SPEAKS HIS TRUTH”, ed in seconda edizione: “CHRIST RETURNS - REVEALS STARTLING TRUTH”; nel contempo tradotte in 10 lingue per essere distribuite gratis in tutto il mondo, grazie al formato elettronico.
Seguirono 16 articoli contenenti ulteriori indicazioni ed insegnamenti, destinati non solo a far aprire gli occhi sui pericoli del tempo presente, ma anche all'evoluzione degli uomini durante i prossimi due millenni. Infine un accorato appello agli umani.
Il Web raggiungerà la folla capillarmente ed Egli non chiede che di essere ascoltato da tutti, più e meglio di 2000 anni fa, quando si trasferìva a piedi da un villaggio all'altro.

Ed ecco qua lo schema di sviluppo delle LETTERE:

  1. Cristo parla dei motivi per cui è ritornato, per dettare queste Lettere. Egli spiega che, per mezzo dei propri pensieri e delle proprie azioni, l’Umanità si procura da sola le sue sventure. Spiega perché la sua vera missione sulla Terra non è stata riportata cor­ret­ta­mente. Enuncia che non esiste una cosa come il ‘peccato contro Dio’; che non com­pren­dia­mo la vera Origine del nostro Essere. Descrive le sue sei settimane nel deserto e quello che accadde veramente - quello che imparò e come la conoscenza lo trasmutò da ribelle a Maestro e Guaritore.
  2. Continua la storia della sua vita sulla Terra, il suo ritorno dalla madre a Nazareth e come fu ricevuto! La sua prima guarigione pubblica e l’enorme risposta. La scelta dei discepoli. I suoi insegnamenti autentici.
  3. Continua con gli eventi della sua vita, gli insegnamenti, la consapevolezza che la sua permanenza sulla Terra sarebbe stata interrotta dalla crocifissione.
    Le cose che fece tanto da scatenare la rabbia dei leaders della religione Ebraica.
    Cosa realmente accadde e venne detto durante ‘l’Ultima Cena’, gli atteggiamenti dei discepoli e la verità riguardo alla sua ‘ascensione’.
  4. Cristo riprende le tracce dei suoi insegnamenti in Palestina e dice che Gesù, Maometto, Buddha ed altri Maestri hanno continuato ad evolversi spiritualmente, fino ad ascendere nella COSCIENZA DI CRISTO. Cristo parla della verità della relazione sessuale, an­nun­cian­do che il modo di rapportarsi tra uomini e donne è destinato a mutare. Si ve­ri­fi­cheranno progressi spirituali e verranno dati alla luce dei bambini con un nuovo potenziale spirituale.
  5. &
  6. Cristo inizia a spiegare i veri processi della creazione. Menziona le credenze della scienza e delle dottrine religiose, le rigetta e definisce la VERITÀ dell’ESSERE.
    Accenna alla verità riguardante l’ego umano - il mezzo dell'individualità terrena e pertanto necessario, ma anche la fonte di ogni sofferenza.
  7. Cristo descrive la verità riguardo all’atto sessuale - che cosa avviene in effetti spiritualmente e fisicamente. Spiega come i bambini nascono a diversi livelli di coscienza. Spiega il posto degli uomini e delle donne nell’ordine mondiale.
  8. Cristo spiega la realtà degli uomini e delle donne, come vivere entro le LEGGI dell’ESISTENZA e come pervenire ad uno stato d’essere armonioso e benedetto, in cui tutte le cose sono dispensate in abbondanza, la salute è ristabilita e la gioia diventa uno stato mentale naturale. Ogni individuo può raggiungere questo stato di beatitudine interiore, ed allora la pace diverrà la norma.
  9. Cristo tira le fila delle sue altre Lettere e indica chiaramente come superare l’ego, guadagnare vera autostima e sperimentare la gioia di una perfetta pace interiore.
    Sfiora i temi razzismo, reincarnazione; lancia un messaggio di personale sostegno e di AMORE - che Egli È - a tutti coloro che provano trasporto per le sue Lettere.

Ora come allora e per concludere, alla 9ª Lettera, Egli annuncia, delinea in più passi del suo dettato, insomma offre a 360° il suo diretto sostegno a chi anela riceverlo: un ventaglio di benefici che nessuna chiesa potrà mai garantire né promettere; e non occorre che volerlo e chiederlo se si dispone di un veritiero e profondo impegno, tralasciando qualunque credenza tradizionale, figlia solo di un sentito dire secolare!
Tutto quel che posso aggiungere - e lo sottoscrivo per esperienza quotidiana - è che leggere e rileggere queste Lettere è come sintonizzare la propria stazione radio-astrale ricevente su una certa lunghezza d'onda, live e, a poco a poco… è innegabile, cambia il tuo stato d'essere!

Cristo ha promesso nelle LETTERE che esse avrebbero stabilito un col­le­ga­men­to tra la mente del lettore e la Mente del Cristo, e che sarebbe stato dato aiuto a comprendere il significato profondo che si cela dietro le parole.
Molte persone hanno riportato di aver sperimentato questo contatto.
Molte persone sono state consapevoli di un afflusso di comprensione interiore.

Che altro dire?
Da un lato, un excursus a dir poco affascinante della sua vita ed esperienza in Palestina, di una valenza straordinaria, sia storica che esoterica.
Dall'altro un profilo dell'ego umano, destinato a trasmutare alla radice ogni impulso e con­di­zio­na­men­to spontaneo, generato dall'istinto di autoaffermazione; per sostituirlo gra­dual­mente con la liberazione che deriva, unicamente, dalla risalita spirituale.

Le nozioni che dispensa, costituiscono il nucleo di una conoscenza ricercata per secoli e più ancora, da parte degli stessi iniziati, con anche le 'istruzioni per l'uso'. Il tutto trasmesso nella forma umana più e­le­men­ta­re; la semplicità è sempre stata il più inattaccabile scrigno delle verità.

Del profilo Twitter @RitornaCristo, si noterà facilmente come ogni post – riportato anche nella galleria del sito Web christ.direct – che contenga un brano delle Lettere, mostri quanto peso e quanta verità siano condensati in ogni singola sua frase, verità pur destinate a scorrere tra le tante nella lettura continuativa del testo.
Da ogni passo ivi estrapolato ed evidenziato, proprio per essere ri-proposto singolarmente alla riflessione globale, emerge e si impone la forza rap­pre­sen­tativa del vero; sublime o schiac­cian­te che debba porsi.

È giustificato il dubbio che Cristo potesse servirsi della rete globale? e come meglio avrebbe potuto assolvere la sua promessa di un ritorno?
Richiamo un passo dalle pagg. 19-20 della LETTERA n°6:
“Tutto ciò che gli uomini hanno saputo su un dio super-umano di sorta è stato tratto dalla lettura delle descrizioni pittoresche di Dio, date dai profeti durante il loro soggiorno sulla Terra.
Rimarca l’illusorietà delle credenze religiose il fatto che i bigotti si rifacciano solo agli antichi per la loro verità, dal momento che non possono credere che DIO sia davvero reale, eterno e parimenti in grado di parlare alle genti nella vostra era e quotidianità.